I licenziamenti dopo una vita di sacrifici tra i mattoni e le fornaci:sciopero alla Pica – VIDEO

PESARO – Licenziamento per 60 persone allo storico stabilimento di laterizi Pica di Pesaro.

Dopo una vita a cuocere mattoni nelle fornaci, l’annuncio dei licenziamenti. C’è amarezza e preoccupazione tra i 60 lavoratori della Pica, storico marchio di laterizi di Pesaro, dopo la notizia della chiusura dello stabilimento annunciata da Terreal, la multinazionale francese che ha rilevato lo stabilimento pesarese nel 2018. Quando c’era già stata una netta riduzione del personale. Ora la doccia gelata: l’obiettivo di istituzioni, sindacati e lavoratori è mantenere lavoro, occupazione e il marchio. I dipendenti sono in sciopero e la mobilitazione è destinata a salire nei toni la prossima settimana: per lunedì è in programma un blocco temporaneo della strada davanti allo stabilimento.

La sponda di Confindustria. “Da uomo e padre di famiglia, prima ancora che da imprenditore, va tutta la mia comprensione e solidarietà a tutti i dipendenti, che rischiano di perdere il lavoro, e alle loro famiglie”. Così Mauro Papalini, presidente della Territoriale di Pesaro Urbino di Confindustria Marche Nord, a proposito dell’annunciata cessazione dell’attività del sito di Pesaro da parte di Terreal, proprietaria del marchio Pica. “Sono sicuro – ha aggiunto il presidente – che la proprietà e il management della multinazionale francese abbiano svolto tutte le analisi più approfondite sulla sostenibilità economica del sito produttivo di Pesaro, caratterizzato, da quanto è emerso, da ingenti perdite”. Papalini ha evidenziato come “il contesto economico del comparto dei laterizi, attraversato da una profonda e prolungata crisi, non aiuti a ipotizzare soluzioni alternative”. “In ogni caso – ha concluso il presidente degli industriali pesaresi –, Confindustria Marche Nord è da subito disponibile a lavorare a supporto dell’azienda e delle istituzioni, per individuare e gestire soluzioni e strumenti utili a mitigare l’impatto sociale della chiusura dello stabilimento pesarese. Obiettivo che si può raggiungere anche attraverso il tavolo nazionale presso il Mise, auspicato dal sindaco Ricci”.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response