Recuperato il corpo dell’operaio affogato per un incidente sulla piattaforma “Barbara f”

ANCONA – E’ stata recuperata alle ore 04.57 di mercoledì mattina la salma di Egidio BENEDETTO, il dipendente dell’Eni che ha perso la vita martedì mattina per un incidente sul lavoro nella piattaforma Barbara f, a largo della costa dorica.

Il corpo dell’uomo è stato recuperato dal ROV (Remotely Operated Vehicle – veicolo subacqueo filoguidato a controllo remoto) dei VVF, giunto in zona operazioni nella tarda serata di ieri, e immediatamente trasbordato a bordo della M/V CP 861 della Guardia Costiera presente sul posto in assistenza alle operazioni di recupero.

La motovedetta ha poi raggiunto gli ormeggi nel porto di Ancona alle ore 06.45. Lo sbarco della salma avverrà dopo l’intervento del medico legale ed a seguito delle disposizioni dell’Autorità Giudiziaria.

Proseguono, nel frattempo, le operazioni di recupero della cabina della gru, rimasta sul fondo a circa 70 metri di profondità, nonché della parte rimanente del braccio della gru ancora (circa 15 metri) vincolata allo scafo del Supply Vessel ALINN B, al fine di permetterne l’ispezione da parte dei tecnici incaricati di definire le dinamiche dell’accaduto.
Sul posto sono ancora presenti tecnici della Guardia Costiera di Ancona e la M/V CP 839 per il monitoraggio e l’assistenza alle operazioni di recupero.

Le Segreterie regionali di Fit Cisl, Filt Cgil e Uil Trasporti hanno indetto per domani, giovedì 7 marzo, alle ore 11.30 un sit in nel porto di Ancona per ricordare la del gruista deceduto. Il presidio si terrà nel piazzale antistante i rimorchiatori dello scalo (zona Porto Antico) e si concluderà alle ore 12 con il suono delle sirene di tutte le navi come segno di lutto.

Leave a Response