Incidente piattaforma Eni, in serata il recupero del corpo dell’operaio morto – VIDEO

ANCONA – Per le operazioni di recupero del corpo di Egidio Benedetto, il dipendente dell’Eni di 63, residente a San Salvo in provincia di Chieti rimasto vittima dell’incidente, verificatosi nella piattaforma Barbara F, a 60 km dalla costa dorica, verrà utilizzato un rov dei vigili del fuoco.

Un modello più avanzato rispetto a quello utilizzato in mattinata che ha permesso di individuare a 70 metri di profondità all’interno della cabina della gru precipitata in acqua il corpo dell’uomo. A seguire le operazioni e le indagini la Capitaneria di Porto di Ancona e la Guardia di Finanza.

La gru avrebbe avuto un cedimento strutturale mentre stava effettuando delle operazioni di carico e si è staccata dalla struttura finendo in mare e trascinando con sé l’operaio che la manovrava. Nella caduta ha colpito l’imbarcazione di rifornimento su cui stava caricando una bombola di azoto ferendo le due persone a bordo. Dalle immagini ricevute  la cabina risulta ancora agganciata tramite un cavo d’acciaio alla piattaforma, mentre il braccio della gru è adagiato sull’imbarcazione ormeggiata sotto la piattaforma.

Gli altri due uomini rimasti coinvolti nell’incidente sono due operatori della società Bambini di Ravenna, uno di 52 anni e uno di 47 anni, trasportati d’urgenza all’ospedale regionale di Torrette di Ancona. Il primo  presenta una frattura esposta di femore, fratture multiple del bacino, frattura vertebrale, ed è stato operato d’urgenza per la stabilizzazione delle fratture, la prognosi è riservata. Il secondo presenta trauma cranico con un’ampia ferita e un trauma toracico con fratture costali a sinistra; per lui la prognosi è di trenta giorni. Entrambi non sono in pericolo di vita.

Ancora da chiarire le cause dell’incidente e le responsabilità su cui sta indagando la magistratura e su cui chiedono spiegazioni in un comunicato le sigle sindacali che precisano che quest’ultima morte si va a sommare alle 1.133 vittime sui luoghi di lavoro dell’anno 2018.

Leave a Response