Addio Lorenzo, la sua battaglia era di tutti – VIDEO

ANCONA – Se ne è andato Lorenzo Farinelli, il giovane medico anconetano di 34 anni malato di linfoma non-Hodgkin a grandi cellule di tipo B, che con la sua storia ha commosso l’Italia, ma che purtroppo non è riuscito a vincere la sua battaglia contro il male che lo perseguitava da 8 mesi, spirando lunedì sera a casa sua.
Lorenzo con quella malattia ha combattuto fino alla fine e nella sua lotta ha coinvolto un paese intero, con un videomessaggio postato sui social in cui chiedeva una mano per poter accedere a una cura sperimentale in America, molto costosa.

Un appello a cui risposero in tanti, non solo dalla sua città, ma da tutta Italia, e in pochi giorni la cifra di 500mila euro necessaria per accedere alla cure era stata raggiunta e anche superata.
La speranza di Lorenzo, il suo amore per la vita perché come diceva lui “Non è finita finché non è finita”, erano diventati di tutti, ma purtroppo il giovane medico non è riuscito a tentare quel viaggio negli Usa per curarsi e per il quale si stavano già predisponendo i documenti per il volo. A poche ore dalla sua scomparsa sono stati molti i messaggi di cordoglio arrivati alla famiglia del giovane da quello del Sindaco Valeria Mancinelli,che lo ringrazia per aver mostrato tutta la capacità di amore delle persone. Al ricordo commosso del presidente dell’ordine dei medici di Ancona Fulvio Borromei, alla preside dell’Istituto Savoia Benincasa, frequentato dal giovane, Alessandra Rucci che sottolinea la grande lezione di dignità e coraggio lasciata dal giovane medico e di quanto la rete possa essere uno strumento volto al bene e all’aiuto reciproco.

Anche sul sito salviamolo è comparso un breve messaggio dei suoi amici, che insieme alla sua famiglia lo hanno sostenuto nella raccolta fondi e che commossi ringraziano per le centinaia di messaggi ricevuti. Per mercoledì 13 febbraio sono fissati i funerali alla chiesa degli archi del santissimo crocifisso di Ancona. Una lotta per la vita in cui ha vinto il tempo, ma non la speranza. Per tutti i Lorenzo che vogliono guarire e a cui lui aveva deciso di destinare i fondi raccolti in eccedenza tramite la piattaforma Gofundme e tramite il portale Salviamolo.it.  E finché la speranza di questo giovane andrà avanti diventando quella di altri, la battaglia di Lorenzo non sarà mai persa.

Leave a Response