Punto nascita a rischio a Fabriano, il sindaco: “Annullata di manifestazione di domani ad Ancona”

FABRIANO – Non ci sarà la marcia su Ancona prevista per domani (martedì 12 febbraio) per difendere il punto nascita di Fabriano che, secondo il cronoprogramma dei giorni scorsi, dovrebbe chiudere i battenti dal 20 febbraio.

Tentativi di recupero in attesa di avere risposte dal ministero della salute portano  ad annullare la protesta di martedì, dopo la manifestazione di sabato a Fabriano. ” Il Ministro Grillo in visita ad alcune strutture ospedaliere in Sardegna ha fatto delle affermazioni importanti che investono direttamente la nostra situazione. Ha parlato chiaramente ancora una volta dell’intenzione di rivedere i contenuti dell’accordo Stato Regioni facendo riferimento alla possibilità di salvare reparti che fanno anche solo 350 nascite all’anno. Un riferimento numerico non casuale viste le interlocuzioni che abbiamo avuto quotidianamente con organi del Ministero e con la diretta portavoce del Ministro”- scrive sul suo profilo Fb il sindaco di Fabriano Gabriele Santarelli – Ha chiarito anche la questione del parere del Comitato Percorso Nascita Nazionale dicendo, come avevamo fatto noi nei giorni scorsi, che non è un parere vincolante. E’ chiaro che il Ministro non può esprimersi su casi specifici ma facendo riferimento a un discorso di sistema ci coinvolge direttamente.  Il percorso di revisione del contenuto dell’accordo Stato Regioni dovrà avvenire entro il 31 marzo. Di fronte a questi dati credo che sarebbe miope continuare con il percorso di chiusura del reparto senza attendere che questa revisione venga fatta. Si tratta di solo pochi giorni che potrebbero cambiare la storia del Punto Nascita di Fabriano che a questo punto potrebbe rimanere operativo senza doversi aggrappare a deroghe. Per questo nei prossimi giorni chiederò ufficialmente al Presidente un incontro per parlare di questa occasione e quindi di intervenire per bloccare l’iter avviato e sospenderlo fino a nuova pronuncia del tavolo Stato-Regioni. In questa ottica, visto che è stato individuato un percorso concreto e attuabile, annullo la manifestazione di martedì quando proverò comunque a parlare con alcuni consiglieri regionali per sottoporre anche a loro questa possibile soluzione”.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response