Marche, la cicogna non si ferma più: crollano le nascite, aumentano i decessi e gli emigrati -VIDEO

ANCONA – Il 2017 segna un record storico negativo per le nascite nelle Marche: a vedere la luce appena 10699 bambini, 813 in meno rispetto all’anno precedente, mentre negli ultimi cinque anni la riduzione è di quasi 2000, ovvero -15,5%.

Se il fenomeno del crollo della natalità è nazionale risulta più netto in regione secondo quanto emerge dai dati Istat rielaborati dall’Ires Cgil. Diminuiscono i figli nati da genitori italiani del 13,6% rispetto al 2013, ma anche quelli con almeno un genitore straniero che rappresentano l’8.9% dei bambini nati nelle Marche. Il numero medio di figli per donna nelle Marche scende a 1,25. Un dato inferiore alla media nazionale e a quello delle regioni del Centro Italia. Per contro crescono i decessi che nel 2017 sono stati quasi il doppio delle nascite: segno di una popolazione, quella marchigiana, che invecchia sempre di più. Poi c’è anche da considerare quelli che lasciano le Marche per andare all’estero: quasi 4700 nel 2017, sono quasi 22 mila negli ultimi 5 anni e si tratta soprattutto di giovani, anche coppie, in cerca di lavoro e nuove prospettive. In sintesi, considerando il 2017, è come se fosse sparito un comune come Pergola.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response