Sputi e insulti contro i legali di Oseghale: convocato il comitato per l’ordine e la sicurezza a Macerata

MACERATA – Insulti e sputi ieri davanti al tribunale di Macerata contro i legali di Innocent Oseghale, in occasione dell’avvio del processo per il nigeriano accusato di aver ucciso e fatto a pezzi la 18enne romana Pamela Mastropietro lo scorso gennaio. Già il procuratore di Macerata Giovanni Giorgio aveva espresso piena solidarietà ai due legali.  “In uno Stato democratico gli avvocati ricoprono un ruolo insostituibile di garanzia – aveva scritto in un comunicato – E per vero – conclude -, la celebrazione del giudizio abbreviato condizionato, sollecitata dalla difesa, qualora la tesi accusatoria fosse stata integralmente accolta, avrebbe potuto comunque comportare per Oseghale il rischio di essere condannato all’ergastolo”. Per quanto accaduto fuori dal tribunale il procuratore generale Sergio Sottani, il prefetto di Macerata Iolanda Rolli, ha convocato per domani pomeriggio un Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica per analizzare quanto accaduto e per discutere degli eventuali provvedimenti da adottare. Saranno presenti il Procuratore generale della Corte di appello di Ancona  Sergio Sottani e il Procuratore di Macerata Giovanni Giorgio.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response