3.700 episodi di spaccio all’Hotel House, in manette tre pakistani

PORTO RECANATI- Si è conclusa, con l’arresto di tre pakistani, un’articolata indagine della Guardia di Finanza di Macerata contro lo spaccio di sostanze stupefacenti messo in piedi all’Hotel House. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Macerata, sono partite nell’aprile scorso, in seguito al sequestro di sostanze stupefacente ad uno degli arrestati. Sono stati accertati circa 3.700 episodi di spaccio di droga nei pressi dell’Hotel House per un totale di circa 2.900 grammi di sostanze, tra eroina, per circa 2.200 grammi, ed hashish per circa 700 grammi. Quantificato in oltre 110.000 euro il profitto tratto dall’attività di spaccio. 

Uno degli arrestati, che utilizzava alcune utenze telefoniche intestate fittiziamente a cittadini cinesi per sfuggire all’identificazione, era noto tra i tossicodipendenti con il soprannome di “PICCOLO” o “BAMBINO”, o ancora “PICCOLINO” o “PICCOLETTO”, per via della sua esile statura.

A carico dei tre responsabili, dimoranti tutti all’Hotel House, A.U. di anni 29, A.Y. di anni 30 e Z.N. di anni 36, è stata applicata, su ordine del G.I.P., la misura restrittiva della custodia cautelare in carcere. I tre si trovano rinchiusi nella Casa Circondariale di Montacuto, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Nel corso delle perquisizioni è stato sottoposto a sequestro un ulteriore piccolo quantitativo di eroina e denaro contante per 945 euro, ritenuto provento dello spaccio.Sono 26 le persone identificate quali assuntori di sostanze stupefacenti, le quali sono state segnalate alla competente Prefettura per le incombenze del caso.

Leave a Response