Giovane di 22 anni violentata dal pusher che le vendeva la droga. In manette un 36enne nigeriano – VIDEO

ANCONA – Violentata per mesi sotto l’effetto di eroina, dal pusher che la riforniva e che una volta incassati i soldi della dose approfittava di lei. È questa la storia emersa dalla perquisizione effettuata lo scorso 6 novembre dai poliziotti della Squadra Mobile di Ancona in un appartamento occupato da nove nigeriani in Via Pergolesi nel capoluogo marchigiano e che ha portato al fermo di un 36enne nigeriano irregolare, Adetifa Adejoju Isaac, boss del gruppo per violenza sessuale aggravata e continuata e cessione di sostanze stupefacenti nei confronti di una italiana di 22 anni.

La giovane, vita apparentemente regolare, un lavoro normale è stata infatti trovata dagli agenti nella camera da letto dell’uomo al momento della perquisizione, entrambi erano ancora sotto l’effetto delle droghe che avevano assunto. A conclusione dell’operazione l’uomo è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni, aveva infatti aizzato un pittbull contro un poliziotto, ferendolo ad una mano e per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

La ventiduenne è stata invece ascoltata dalle poliziotte della Sezione crimini di genere e dopo un’iniziale resistenza ha raccontato di aver subito negli ultimi tre mesi ripetute violenze e abusi da parte dell’uomo. Quindici circa gli episodi calcolati dalla giovane.

A suffragio di quanto raccontato anche i riscontri delle analisi tossicologiche svolte sulla vittima dall´Unita´ di crisi dell´Ospedale Salesi di Ancona, che hanno permesso di applicare il Fermo al 36enne, misura convalidata da parte del G.I.P. presso il Tribunale di Ancona.

Una storia simile a quelle tristemente note di Pamela Mastropietro e Desiree Mariottini, ma almeno per questa volta con un finale diverso. Gli investigatori continuano le indagine per capire se altre ragazze possano essere state vittime di un trattamento simile. L’uomo che respinge le accuse si trova ora nel carcere di Montacuto di Ancona.

Leave a Response