Assalto in gioielleria: sei arresti e due denunce – VIDEO

CAMERANO – In pochi minuti hanno scatenato l’inferno mandando in frantumi le vetrine per rubare i preziosi all’interno: è successo nella notte attorno alle 2 in una gioielleria del centro commerciale Grotte di Camerano.

Dopo ore di inseguimenti e pedinamenti da parte dei Carabinieri della Compagnia di Osimo, sono stati identificati in 8, come era emerso anche dalle immagini di videosorveglianza. Tre sono stati acciuffati nel primo pomeriggio a Marina di Montemarciano, altri tre componenti ad Osimo Stazione. Uno aveva ancora addosso alcuni anelli in oro bianco.

Gli ultimi due sono stati identificati e denunciati e sono in stato di reperibilità. I ladri, di nazionalità rumena, avevano forzato la porta d’ingresso del parco commerciale per poi andare a colpo sicuro verso la saracinesca della gioielleria. L’avevano forzata con un palo della segnaletica stradale, sradicato poco prima,  e poi si erano accaniti con delle mazze sulle teche di vetro, portando via gioielli e orologi, per poi scappare passando per l’ingresso sul retro.

Il sistema d’allarme, scattato all’arrivo dei banditi, aveva fatto precipitare sul posto i Carabinieri del Comando di Osimo che, nell’inseguimento a piedi per i campi circostanti avevano costretto i ladri ad abbandonare gran parte della refurtiva.

Con gli arresti avvenuti nel primo pomeriggio ora le indagini proseguono. Non si esclude possa trattarsi della stessa banda che appena quattro giorni fa, sempre nel cuore della notte, ha assaltato la colonnina self service in una stazione di rifornimento a Castelfidardo, portando via il forziere con i soldi all’interno, agganciandolo ad un trattore rubato.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response