Terremoto, c’è la legge – VIDEO

ROMA – E’ legge il cosiddetto “Dl Terremoto” con il voto alla Camera passato con 398 sì, 98 astenuti e nessun voto contrario.

C’è la proroga dello stato di emergenza fino a fine anno, la sanatoria provvisoria per le casette autocostruite, la possibilità per i comuni di attrezzare aree per i possessori di seconde case dove ospitare camper e roulotte, il superamento delle piccole difformità che bloccano soprattutto i progetti di ricostruzione cosiddetta leggera. Le reazioni nel video.

Mauro Coltorti del M5S: “L’ok della Camera al Dl Terremoto è un “gol” importantissimo di questo inizio di legislatura: in esso ci sono 300 milioni in più stanziati e tante proroghe e misure indispensabili per chi vive nel cratere sismico. Sia chiaro però, è solo l’inizio: come ha specificato nel dettaglio il viceministro Castelli, stiamo lavorando e continueremo a farlo a testa bassa per far sì che si imprima un netto cambio di passo per quanto riguarda la ricostruzione. Purtroppo le risorse limitate a disposizione non ci hanno permesso di apportare migliorie ulteriori al decreto: le opposizioni lo sapevano fin troppo bene, ma nonostante ciò in queste settimane hanno dato il là ad un evitabile festival delle strumentalizzazioni. Alla Camera come al Senato, tante richieste che non erano indispensabili in commissione speciale, per PD, FI e FDI lo sono diventate quando il decreto è arrivato nelle aule parlamentari. Al di là delle esigenze di strategia politica, non è così che si aiutano le popolazioni delle zone interessate dal terremoto”.

Simone Baldelli, Fi: “Grazie all’iniziativa politica di Forza Italia, anche quest’anno, per il terzo anno consecutivo, la Camera dei deputati, votando unanimemente un ordine del giorno al decreto terremoto presentato dal sottoscritto e firmato da tutti i gruppi  ha impegnato il Governo a destinare i suoi 85 milioni di tagli e di risparmi di gestione relativi all’ultimo anno alle popolazioni del centro Italia colpite dal terremoto. Con questo voto possiamo dire che negli ultimi tre anni, sempre su nostra iniziativa e con il sostegno di tutti i gruppi politici, siamo arrivati a far destinare ben 212 milioni di euro (47 milioni nel 2016, 80 nel 2017, 85 nel 2018). Un ringraziamento particolare per questa bellissima pagina di attivita’ parlamentare a tutti i gruppi che hanno lodevolmente sostenuto questa iniziativa, all’ufficio di presidenza attuale, e all’ufficio di presidenza della scorsa legislatura, a cui in gran parte si deve questo straordinario risultato raggiunto. Una volta stanziati questi 85 milioni, con la legge di Bilancio, vigileremo chiederemo conto al governo di come verranno spesi questi soldi”.

 

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response