L’untore della porta accanto: “Chiamala normalità” – VIDEO

Chiamala, se vuoi, normalità. Quella in cui il ragazzo della porta accanto si trasforma in “orco” malato di Aids che rifiuta la malattia e infetta centinaia di persone: “Ma chi, Claudio? Non ci credo, impossibile”.

La storia dell’untore Claudio Pinti è quella di chi rifiutava la medicina tradizionale e i farmaci, sostenendo che “per curarsi fossero necessari argento e olio di cannabis”.

Al punto che messo alle strette dall’ultima compagna ha ammesso: “Ero sieropositivo, poi è passato tutto”.

Proprio questa donna ha voluto rompere lo schema del “qualcuno sa ma non parla”: non più l’onta di essere stata infettata da hiv nel piccolo paesino della piccola regione, ma il coraggio di evitare che potesse contagiare altre persone.

Guarda il video:

 

Leave a Response