Camerino, ancora ritardi sulle Sae. Parte la pulizia del centro storico “fantasma” – VIDEO

CAMERINO – Togliere l’erba che desolante è spuntata nei vicoli dove prima c’era la vita, spazzare le strade, insomma affrancare almeno  lo sguardo. Ecco l’intervento di pulizia del centro storico di Camerino, come deciso dal Comune con il Cosmari. Al lavoro gli operatori nel centro fantasma: piazza Cavour dopo la riapertura qualche mese fa  era stata chiusa nuovamente dopo la scossa dello scorso 10 aprile per problemi di tenuta dei campanili. E al momento si esclude la riapertura prima di due mesi. A breve invece dovrebbero essere riaperte via Fanese  via Leopardi e via Parisani.

Le sae ancora in ritardo. Il percorso verso la normalità appare ancora lungo: delle 311 soluzioni abitative di emergenza ne sono state consegnate 7. Tradito anche l’annuncio dato durante l’incontro in regione dello scorso otto  maggio sulle 55 Sae da consegnare entro sabato scorso. Il sindaco Gianluca Pasqui ha scritto alla Regione Marche e al Capo del dipartimento della Protezione Civile Borrelli. L’accelerazione promessa sui lavori, dice, non c’è stata. “La nostra Polizia Municipale ha effettuato controlli nei giorni del 9, 10 e 14 maggio (altri sopralluoghi erano stati effettuati il 4, 5, e 7 maggio) e i lavori sono risultati ancora sospesi, senza alcuna attività da parte delle ditte all’opera nell’area di Arcofiato”.

 

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response