Tirreno-Adriatico e Giro d’Italia. Le Marche sui pedali e Osimo si colora di rosa. (VIDEO)

OSIMO – Da Assisi a Osimo, tappa numero 11, il 16 maggio. Da Osimo a Imola, il giorno dopo, tappa numero 12. Il Giro d’Italia torna nella città ‘senzatesta’ ed ecco svelati percorsi di questi due appuntamenti che riaccenderanno i riflettori del grande ciclismo sulle Marche.

Il tutto in contemporanea all’epilogo della 53esima edizione della Tirreno-Adriatico che si conclude oggi con la cronometro individuale di San Benedetto del Tronto, ma che ha già toccato la regione col traguardo di Sarnano, la tappa del cuore a Filottrano nel nome e nel ricordo di Michele Scarponi, la penultima tappa da Numana e Fano.

Michal Kwiatkowski (Team Sky) ha vinto al 53a edizione della Tirreno-Adriatico NamedSport. Il podio finale della Corsa dei Due Mari è completato da Damiano Caruso (BMC Racing Team) e Geraint Thomas (Team Sky). Rohan Dennis (BMC Racing Team) vince l’ultima frazione, la cronometro individuale di San Benedetto del Tronto di 10 km.

Tornando al Giro d’Italia a Osimo: il prossimo 16 maggio i corridori arriveranno da Filottrano fino all’incrocio di Padiglione. Proseguiranno verso Casenuove, per svoltare a destra su Via Striscioni (gran premio della montagna) e raggiungere San Paterniano. Una volta giunti ad Osimo centro, i ciclisti percorreranno la Costa del Borgo e Via Fontemagna (contromano), quindi Via Guazzatore, Via Don Sturzo, svolta a destra su Via Marco Polo, salita di Via Olimpia fino a Via Battisti per imboccare Porta Vaccaro, Via Matteotti e Corso Mazzini. Il traguardo sarà posizionato nei pressi del Palazzo Municipale. Svelato nel tardo pomeriggio di ieri il percorso dell’11° tappa del Giro d’Italia, l’Assisi-Osimo. All’incontro di presentazione era presente il gotha del ciclismo nazionale. La cerimonia si è aperta con un minuto di silenzio in omaggio a Fred Mengoni, scomparso recentemente. Sul palco de La Nuova Fenice hanno preso la parola campioni del calibro di Ivan Basso, Alessandro Petacchi, Andrea Tonti e il ct della nazionale Davide Cassani. Passione, aneddoti e ricordi raccontati da chi ha vinto tantissimo nel ciclismo che conta. Erano presenti anche i vertici nazionali dell’organizzazione della carovana rosa, Mauro Vegni e Stefano Allocchio. Non è mancato un pensiero in omaggio al compianto Michele Scarponi.

Leave a Response