Sarnano, ci risiamo: “Casette allagate. Che sarebbe successo se consegnate?” (Le immagini)

SARNANO – “Una delle casette che avremmo dovuto consegnare ieri si è completamente allagata. Ieri sera, durante il sopralluogo fatto nelle casette, avevo richiesto espressamente che le caldaie rimanessero accese tutta la notte per verificarne il funzionamento. Domanda: cosa sarebbe successo se ieri avessimo consegnato le SAE?”

E’ il nuovo sfogo, affidato ancora una volta a Facebook, del sindaco di Sarnano, Franco Ceregioli. Il primo cittadino si era rifiutato di consegnare ai suoi concittadini le chiavi delle nove Sae per gravi disagi legati all’abitabilità.

Oggi un nuovo aggiornamento che diventa “bottino di guerra” delle casette dei terremotati.

Queste le richieste del primo cittadino di Sarnano:

“Stamattina avevo già inviato alla Protezione Civile Regionale e all’Erap una richiesta formale della seguente documentazione:

– verbali di collaudo e/o certificazioni di abitabilità della struttura;
– verbali di collaudo o certificati di regolare installazione e funzionamento di tutta l’impiantistica (acqua, luce, gas);
– verbale di prima accensione degli impianti;
– comunicazione di fine lavori inviata da Arcale al RUP o al DEC o al DL,
specificando che in assenza di tale documentazione non avrei preso in consegna le chiavi delle casette”.

Leave a Response