Bambini senza sbarre, al carcere di Montacuto “La partita con papà” (Video)

ANCONA – Il tifo da una rete diversa, quella del campetto da calcio, all’aria aperta, in una bella giornata di sole, nonostante l’aria pungente di dicembre, al carcere di Montacuto ad Ancona, per “La partita con papà”, la giornata di calcio dei papà detenuti con i loro figli negli istituti penitenziari italiani, organizzata dall’associazione Bambinisenzasbarre con il sostegno del Ministero di Giustizia-Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, all’interno della campagna Dona un abbraccio, che pone l’attenzione sull’importanza del legame affettivo con il genitore detenuto, come spiega Filippo, in campo con gli altri 19 della casa circondariale anconetana.  Sei telefonate al mese, sei visite all’interno del carcere nelle apposite stanze dei colloqui, passando per la portineria e i controlli. Molti bambini, 100 mila in Italia, almeno 50 quelli che transitano a Montacuto, conoscono solo in questa veste i loro papà. Ad Ancona ha figli almeno la metà dei 290 detenuti, per un limite di capienza che dovrebbe fermarsi in realtà a 260.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E’tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui “Sibilla, le voci della ricostruzione”, progetto editoriale dell’emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell’Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response