Ballottaggi, si cambia: Fabriano al M5S e Civitanova al centro-destra. La sconfitta del centro-sinistra (Video)

ANCONA – E’ la sconfitta del centrosinistra: questa racconta la notte dei ballottaggi nelle due città al voto nelle Marche in questa domenica di caldo insopportabile e maltempo sul finale.

QUI FABRIANO. A Fabriano emerge il M5S con il candidato Gabriele Santarelli che conquista il 60, 23% delle preferenze, a scapito del 39,77% del candidato del centrosinistra Giovanni Balducci (Coalizione Insieme per Fabriano, Pd, Fabriano Popolare, Liberamente, La Fabbrica di Domani e Rinascimento-Uniti per Fabriano). In ribasso l’affluenza in questa seconda chiamata alle urne: vota un fabrianese su due.  La città della carta rappresentava un piccolo grande test nazionale per la tenuta dei pentastellati che nell’ultima tornata hanno perso terreno rispetto all’exploit del 2016, quando venne eletta Virginia Raggi sindaco di Roma.

QUI CIVITANOVA. A Civitanova emerge il centrodestra con il candidato Fabrizio Ciarapica, sostenuto da Forza Italia, Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, Lega Nord con il 57,65% dei consensi. Si ferma invece al 42,35% delle preferenze il sindaco uscente Tommaso Corvatta. Nelle città rivierasca l’affluenza al turno di ballottaggio non è arrivata al 50% degli aventi diritto. Si è fermata al 47,9%. La svolta a destra è un trend anche nazionale, come nelle roccaforti rosse di Genova e Sesto San Giovanni.

 

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response