Calci e pugni alla rivale in amore, ragazza arrestata

Prima le telefonate minatorie, le minacce via facebook e alla fine era arrivata alle mani, aggredendo la rivale in amore con calci e pugni fuori da un centro commerciale.

Così è stata arrestata dalla Squadra Mobile di Ancona una ventisettenne del capoluogo, agli arresti domiciliari con l’uso del braccialetto elettrico.

La donna da tempo perseguitava l’ex amante del marito, nel frattempo deceduto. Dopo le minacce sotto casa e gli appostamenti, alla fine l’aveva attesa per ore davanti ad un negozio per buttarla a terra: l’aveva poi picchiata, trascinata per i capelli e colpita, procurandole diverse lesioni.

La vittima si era così rivolta alla Polizia e al termine delle indagini il giudice ha disposto i domiciliari, con il dispositivo del braccialetto per scongiurare un’eventuale evasione.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response