Province, il sit-in nelle sedi delle Marche

ANCONA – Una proroga di due anni senza risorse.

E’ la notizia che arriva da Roma durante il sit-in da parte dei dipendenti delle province marchigiane, che, come i colleghi di tutta Italia hanno simbolicamente occupato le sedi contro l’emendamento del governo che trasforma le province in enti di secondo livello.

Nelle Marche a rischio occupazione circa 1000 lavoratori, sui più di 2000 dipendenti delle cinque province.

Sindacati, presidenti e consiglieri sindaci delle cinque province sono pronti a presentarsi in massa il prossimo 23 dicembre a Palazzo Leopardi durante la riunione dell’assemblea legislativa delle Marche.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response