L’ANCONA A UN PASSO DALLA LEGA PRO

GIULIANOVA – Se non fosse stato per le vittorie di Matelica e Termoli, l’Ancona sarebbe già in Lega Pro a quattro giornate dalla fine. E invece l’exploit biancorosso a Giulianova è un altro passo verso la promozione. La festa vera invece sarà sabato prossimo. Al Conero, contro la Recanatese, in diretta su Rai Sport, alle 19.45. Altri tre punti e si può stappare lo champagne. Questione di tempo insomma. Perché questa Ancona è davvero imbattibile. Unisce qualità tecniche di altra categoria ad agonismo tipico dei Dilettanti. Ecco come ha vinto bunker del Fadini. Impresa storica perché mai nessuna formazione dorica ci aveva vinto in passato; e perché nessuno ancora in questo campionato, aveva portato via il bottino pieno. E invece Bondi dopo appena due minuti di gioco fa già capire a tutti che film sarà questo match. Un sinistro angolato e imprendibile che supera Melillo. L’undicesimo gol della stagione del brasiliano merita di essere festeggiato con la famosa danza do Siri, ovvero del granchio. La squadra di Cornacchini pressa alta, oppure arretra e riparte. Passando velocemente dal 4-2-3-1 al 4-3-3. All’11° Cazzola di contro balzo scarica in porta, ma Melillo stavolta non si fa sorprendere e devia in corner. Il Giulianova non ha la solita verve casalinga. E non riesce mai a rendersi pericoloso dalle parti di Lori. Che la prima e unica parata della partita la fa al 14° su un destro potente, ma non irresistibile di Puglia. Poi è l’Ancona che poco prima della mezz’ora sfiora il raddoppio: Degano è fermato sul più bello dal disperato intervento di Nanci. Monticciolo prova a giocarsi le sue carte a inizio secondo tempo, ma viene gelato dal bis biancorosso. Capparuccia devia sotto porta un tiro cross di Degano sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Esplode la porzione di stadio occupata dai 375 tifosi anconetani. Che dalla radio però non ricevono le notizie sperate. Fa nulla, l’importante è la vittoria della propria squadra. Maschio tenta la percussione in area al 9°, ma Cacioli è provvidenziale in chiusura. E anche molto pericoloso in attacco, come al 29°, quando in scivolata sfiora il gol su assist di Bondi. A macchiare il pomeriggio biancorosso il rosso a Di Dio nel finale per una manata su D’Orazio e qualche scaramuccia post partita al rientro negli spogliatoi. Ma conviene pensare già a come esultare sabato prossimo per il ritorno in serie C.

 

RISULTATI 30° GIORNATA

Fermana – Amiternina 0-0
Giulianova – Ancona 0-2
Fano – Bojano 3 – 0 (a tavolino)
Isernia – Jesina 1-5
Recanatese – Maceratese 2-0
Civitanovese – Matelica 0-2
Celano – Olympia Agnonese 1-1
Sulmona – R. C. Angolana 2-2
Termoli – Vis Pesaro 1-0

 

CLASSIFICA

Ancona 70
Matelica 60
Termoli 59
Maceratese 52
Giulianova* 44
Vis Pesaro 44
Jesina 42
Fano 41
Fermana 40
Celano 40
Civitanovese 39
Recanatese 39
Sulmona 37
Olympia Agnonese 36
Amiternina 34
R.C. Angolana 23
Isernia 22
Bojano 1

Leave a Response