NUMANA, “CITTA’ DELLE TARTARUGHE”. LIBERATI DUE ESEMPLARI

NUMANA – Si chiamano Stefano e Morgen le due tartarughe di 54 e 28 chili liberate in mattinata al largo di Numana. La prima era rimasta un mese fa in una rete da pesca a strascico nel Cesenatico, mentre la seconda era stata recuperata a Porto Garibaldi, in provincia di Ferrara. La Fondazione Cetacei Onlus, dopo le cure, le ha lasciate a tre miglia dalla costa marchigiana, dove l’acqua è mediamente più calda di un paio di gradi rispetto al litorale romagnolo. Numana si candida come “Città delle Tartarughe”, con il progetto che prevede una caletta per il reinserimento in natura, dopo il salvataggio, delle “Caretta Caretta”, nella spiaggetta di Sottosanta. Una collaborazione sempre più stretta con la Fondazione Cetacei di Riccione che caratterizza un approccio turistico ambientale per il comune della Riviera del Conero che nella passata stagione 2013 ha registrato un aumento superiore al 10% negli arrivi nelle presenze.L’obiettivo per il 2014 è far partire la stagione turistica ad aprile, tenendo conto, però, delle risorse limitate. Lunedì scorso è stato chiuso l’assestamento di bilancio, con quasi due milioni di euro per lo stato, relativi all’imu per le seconde case.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response