TRASPORTO PUBBLICO, CAOS TRA TAGLI E NUOVO PIANO

ANCONA – Ottocentomila euro di risorse in meno, ovvero il taglio di 400 mila chilometri. E’ l’effetto che si prospetta per la Conerobus, l’azienda pubblica di trasporti tra le più importanti delle Marche, con il nuovo piano del trasporto su cui sta lavorando la quarta commissione consiliare. Tagli necessari, imposti dallo Stato centrale, ma che nelle Marche risulterebbero più penalizzanti, rispetto alle altre regioni. Per questo è stato organizzato ad Ancona un incontro con i parlamentari marchigiani. Finora le Marche hanno ottenuto meno di tutte le altre regione, a livello di risorse pro capite e i bacini più penalizzati risultano quelli delle aree metropolitane di Ancona e Macerata. La situazione, dunque, appare incandescente, con il nuovo piano da licenziare, tenendo conto di nuovi tagli in arrivo.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response