“ACCOSTI”. “DICA, AGENTE”. AL VOLANTE TROVA UN DODICENNE

Come nel più classico dei film americani. La pattuglia che fa segno all’auto di accostare. L’automobilista che obbedisce diligentemente. Solo che, quando gli agenti sono arrivati al finestrino dell’auto, spuntava il viso di un dodicenne. Il baby pilota è stato sorpreso e bloccato dalla stradale di San Benedetto alla guida di una Ford Mondeo sul lungomare di Lido Tre Archi, di Fermo. 

Il ragazzino, che compirà 13 anni tra poco, si stava facendo tranquillo un giro con l’auto presa di nascosto al padre, un cittadino macedone che risiede e lavora a Fermo.

All’alt della pattuglia, il minore ha accostato e ha atteso gli agenti, comportandosi da perfetto automobilista. La bravata costerà molto al genitore, a cui gli uomini della Polstrada hanno notificato gli atti di rito. Il macedone dovrà rispondere penalmente di incauto affidamento della vettura e di non aver esercitato la patria potestà sul figlio minorenne. E’ stato informato il giudice presso il Tribunale per i minori di Ancona.

@mauriziosocci

Leave a Response