IL CANTIERE PARTE COL BOTTO: BOATO AL SACRO CUORE

ANCONA Sono partite questa mattina le operazioni messa in sicurezza alla chiesa del Sacro Cuore nel centro di Ancona, dichiarata inagibile per il pericolo di crollo del campanile, lesionato dall’evento sismico cominciato domenica 21 luglio alle 3:32 con una scossa di magnitudo 4.9 seguita da varie repliche. Panico durante i lavori per un forte tonfo avvertito nel cantiere, diversi residenti si sono avvicinati e gli operai sono rimasti leggermente storditi. Un pneumatico della gru, complice probabilmente il caldo, è scoppiato provocando un boato avvertito in tutto il quartiere e facendo fuoriuscire fumo ma senza danni. Non c’è pace dunque per la “chiesa degli esorcismi”, come è stata ribattezzata la parrocchia del sacro cuore, visto che all’interno viene eseguito questo tipo di pratica. Gli ospiti della struttura, quattro frati, tra cui uno molto malato, e uno studente, sono stati evacuati e ospitati da conoscenti e famigliari. I lavori dovrebbero terminare entro domani. Tre le vie interdette al traffico, per un raggio di 40 metri attorno all’edificio: via Maratta, via Finzi e via Fiume.

Leave a Response