TRAFFICO DI ORO AL PORTO DI ANCONA

Non solo sigarette, droga e esseri umani. Il traffico illecito al Porto di Ancona conta anche denaro e oro. Emerge dall’ultima operazione svolta nello scalo dorico da Guardia di Finanza e Dogana che in auto appena sbarcata da un traghetto greco, hanno scoperto più di due chili di oro e quasi diciannovemila euro. Nei guai il conducente del mezzo, un greco di sessanta anni. L’oro era suddiviso in piccoli lingotti, occultati in un doppiofondo in acciaio, simile ad una cassaforte. Il materiale prezioso, del valore di circa ottantamila euro, era privo di documentazione fiscale e per questo è stato posto sotto sequestro. Per quanto riguarda il denaro, essendo la somma trasportato superiore ai diecimila euro, il greco avrebbe dovuto dichiararlo all’Ufficio Doganale. L’uomo è stato denunciato a piede libero per contrabbando e ricettazione.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response